Il Consiglio regionale in Europa 

Immagine bandiera europeaIl Consiglio regionale segue con attenzione l’evolversi del quadro legislativo dell’Unione europea ed è impegnato attivamente ad esercitare il ruolo che il Trattato di Lisbona riconosce alle Assemblee legislative nazionali e regionali.
Partecipa al processo normativo europeo nella fase di formazione e nella fase di attuazione degli atti normativi comunitari nel rispetto della Costituzione italiana e secondo quanto previsto dal nuovo Statuto di autonomia e dalla legge regionale 21 novembre 2011, n. 17: “Partecipazione della Regione Lombardia alla formazione e attuazione del diritto dell’Unione Europea” .
 
Fase ascendente: il Consiglio regionale, nella Sessione Comunitaria annuale, esprime una valutazione sul Programma legislativo della Commissione Europea. La Commissione consiliare competente e le altre commissioni coinvolte per materia valutano gli atti e i provvedimenti comunitari trasmessi dalla Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e Province Autonome. Se necessario esprimono osservazioni approvando una apposita Risoluzione.
 
Fase discendente: la Regione adegua il proprio ordinamento a quello comunitario. Il progetto di legge comunitaria viene presentato annualmente dal Presidente della Giunta ed è approvato dal Consiglio regionale nella sessione comunitaria.
 

Contatti

Ufficio Relazioni istituzionali e rapporti comunitari
Dirigente: Isabella Molina
tel.: 02/67482415 
fax: 02/67482733
 

Professional per i rapporti con le istituzioni dell'Unione Europea
Roberta Lupi
tel.: 02/67482525
scrivi all'Ufficio

 

Link utili

Conferenza delle Assemblee Legislative Regionali (CALRELink a sito esterno)